domenica 31 maggio 2020

Gilbert Garcin. Tout peut arriver


Qui il link allo splendido documentario Gilbert Garcin. Tout peut arriver di Ralf Kämpfe pubblicato su Arte.tv e disponibile fino al 27 gennaio 2021.

La carriera del fotografo Gilbert Garcin sfugge alle convenzioni, si è dedicato alla fotografia raggiunta la pensione, dopo aver lavorato nella sua ditta, produceva lampadari - ma la luce è una curiosa analogia tra le due attività. Garcin ha fotografato dei piccoli teatrini in cui un suo alter ego era protagonista, li allestiva in una stanza poco più grande delle sue maquette, usando attrezzatura molto semplice e riprendendo in pellicola bianco e nero. Ha creato visioni che vengono accostate al teatro onirico dei surrealisti, sopra tutti Magritte, ma ricorderei anche quel precursore del surrealismo che fu Odilon Redon; personalmente le avvicino all'indagine del mondo elegante, divertita di Saul Steinberg; e anche alle animazioni cinematografiche di William Kentridge. Gilbert Garcin è morto il 17 aprile del 2020, un libro antologico sul suo lavoro è edito in Italia dalla Postcart.







 Les précautions élémentaires, fotografia realizzata da Gilbert Garcin.


mercoledì 13 maggio 2020

presentazione dell'Associazione DIY

Questo è il video in cui Gabriele Lopez e Vittore Buzzi presentano il progetto dell'Associazione DIY (l'acronimo significa Do It Yourself).




Questa invece è la registrazione di un lungo webinar in cui Gabriele Lopez, Davide Bernardi, Vittore Buzzi e Matteo Deiana spiegano nel dettaglio che cosa vorrebbero realizzare con l'associazione.



Ho visto e rivisto i video, e sono ancora stupito che stia nascendo questo piccolo movimento coraggioso intorno alla fotografia, la fotografia vera, quella che si fa per conoscere il mondo: quindi stampa, fanzine, mostre, discussioni, scrittura, cultura, comunità.




lunedì 11 maggio 2020

limiti del linguaggio, limiti del mondo

Mi pare che esista una sorta di colonizzazione del linguaggio che descrive gli strumenti della fotografia. "Resa" è un termine tecnico dell'economia, è il rendimento. La parola "qualità" è slittata nell'ambito economico, ormai è affine al "controllo di qualità" di un processo aziendale. Le funzioni delle fotocamere sono divise in "comparti" (il comparto fotografico, il comparto video). E' tipico del marketing l'uso delle classifiche e l'etichetta di prodotto obsolescente. Eccetera.
Farsi colonizzare dal linguaggio dell'economia ha sicuramente delle conseguenze su quel che la persona pensa e fa: Wittgenstein osservò che: i limiti del proprio linguaggio sono i limiti del proprio mondo.


lunedì 30 marzo 2020

Nicola Tesla: l'invenzione e la scoperta

di Dario Voltolini


[Questo intervento è stato tenuto al Circolo dei Lettori di Torino venerdì 9 novembre 2019 nell’ambito del Festival della Tecnologia (7-10 novembre 2019), organizzato dal Politecnico di Torino nel 160° anniversario della sua fondazione.]

Vorrei parlare di Nikola Tesla, figura affascinante di scienziato e inventore, una stella nel firmamento dell’ingegneria. Vorrei parlare di lui, ma soprattutto affrontare un tema con il suo aiuto.

Prima, però, devo fare una specie di introduzione.

Tutti noi sappiamo intuitivamente qual è la differenza tra inventare e scoprire. Sappiamo stabilire con sicurezza che cosa sia un’invenzione e cosa sia una scoperta.


continua qui




sabato 28 marzo 2020

«Situations de Luigi Ghirri»: une conversation dans l’exposition

Link: «Situations de Luigi Ghirri»: une conversation dans l’exposition

Une conversation dans l'exposition

« Luigi Ghirri. Cartes et territoires » au Jeu de Paume, Paris

Animée par Étienne Hatt,

avec : Larisa Dryansky,
Constance Nouvel
et Giuliano Sergio

Disponible sur le magazine

en ligne du Jeu de Paume
lemagazine.jeudepaume.org/
en partenariat avec artpress

© Jeu de Paume, 2019


giovedì 26 marzo 2020